Dove comprare carne buona a Roma?

Return to all
Carne buona a Roma

Dove comprare carne buona a Roma?

La carne buona a Roma è in vendita nelle macellerie. Basta fare una ricerca online per scoprire gli indirizzi consigliati dai principali portali. Affidarsi agli esperti è sicuramente un’ottima soluzione. Ma una volta individuato l’indirizzo giusto dopo aver spulciato un articolo incentrato su dove trovare carne buona a Roma, bisogna essere in grado di giudicare da soli.

La macelleria consigliata corrisponde alle aspettative? Davvero si tratta di un indirizzo ideale per comprare carne buona a Roma? Spesso, la prova del piatto può essere menzognera perché tutto dipende dalla cottura. Se c’è stato qualche errore in fase di preparazione, il risultato sarà insoddisfacente e potrebbe influenzare negativamente il giudizio. Comprare dal macellaio e un’arte e si deve saper riconoscere la qualità della carne per poterla giudicare.

Carne buona a Roma: i tagli e gli allevamenti

Allevamento intensivo o allevamento estensivo? La carne buona a Roma la trovi nelle macellerie che acquistano da allevamenti estensivi, con le bestie che pascolano liberamente. In questi allevamenti si trattano razze rustiche e meticce, che crescono senza forzature alimentari. La crescita è più lenta e l’età della macellazione è più avanzata e questo significa carne con una migliore infiltrazione di  grasso tra le fibre muscolari.

Un buon parametro per capire quali posti vendono la carne buona a Roma è proprio quello della provenienza. Meglio comprare tagli di carne nazionale, di cui troverai l’indicazione in etichetta. Le norme nazionali sono tra le più rigorose in fatto di allevamento e questo è, sicuramente, un fattore a favore dell’acquisto di carne italiana.

Carne Roma: come giudicarla dal banco frigo

La carne buona deve superare l’esame visivo, olfattivo e tattile. In che modo? Ecco qualche suggerimento utile per capire se hai trovato davvero una macelleria con carne buona a Roma:

  • colorazione della carne: il colore deve essere vivace e intenso. Nel giudizio bisogna fare attenzione a non farsi ingannare dalle luci dei banchi macelleria
  • umidità: la carne non deve apparire troppo secca o al contrario troppo umida. In entrambi i casi c’è stata una cattiva conservazione
  • riflessi: la carne migliore non ha riflessi tendenti al metallico, la cui presenza è la spia di un’alterazione o di un irrancidimento della componente grassa
  • consistenza: per verificare questo aspetto, bisogna tastare la carne con le dita. Se il segno lasciato dal dito si ricompatta subito, la carne è fresca. Se il segno impiega troppo tempo a ricompattarsi, la carne ha perso la sua elasticità e purtroppo non è freschissima.